we sign it - Appello ad una manifestazione pacifica e determinata per dichiarare lo stato d'urgenza climatica

Appello ad una manifestazione pacifica e determinata per dichiarare lo stato d'urgenza climatica

Nonostante il summit internazionale, che si tiene in questo momento a Le Bourget , abbia per missione decisiva di raggiungere un accordo universale per stabilizzare il clima, tutto indica che ciò non accadrà. Mostriamo ai governi che la società civile resta determinata. Riuniamoci Sabato 12 dicembre alle 14h di fronte alla Torre Eiffel! Firmiamo tutte e tutti questo appello e condividiamolo! Per accentuare l'effetto del vostro sostegno, abbiamo bisogno del vostro nome e cognome e che indichiate la vostra qualifica o il titolo nella sezione "commenti" del formulario. Vi ringraziamo per il vostro contributo.

Il cambiamento climatico é all'ora attuale già presente in tutto il mondo con una forza inaudita. Colpisce innumerevoli comunità e gruppi sociali. Sconvolge gli ecosistemi e intensifica tutte le forme di dominazione ed ingiustizia.

Mobilitati dall'emergenza climatica e dall'esigenza di giustizia sociale, Siamo molto preoccupati per l'attuale fase di svolgimento di COP21. Nonostante che la missione di questo vertice internazionale sia di raggiungere un accordo per stabilizzare il clima, tutto indica che non accadrà.

Gli impegni presi in materia di riduzione delle emissioni di gas, a effetto serra non garantiscono in alcun modo un contenimento dl riscaldamento globale al di sotto della soglia di 2 ° C entro il 2100, sulla quale si erano impegnati Gli Stati emettitori. Al contrario, ci conducono verso uno sfasamento di più di 3 ° C, facendoci varcare le soglie irreversibili e incontrollabili di sconvomgimento del clima.

I capi di Stato di tutto il mondo, compresi gli Stati del Nord, non assumono la loro responsabilità storica in questo momento decisivo. Ora, i climatologi lo confermano, abbiamo solo pochi anni per agire. Cosa aspettiamo per prendere il controllo sulla conservazione del nostri beni comuni, il primo dei quali è il clima?

Allertiamo insieme la popolazione mondiale su ciò che è in gioco a Parigi. Prima di tutto invitando tutta la società civile à rafforzare le alternative e solidarietà concrete. Quindi chiamando alla creazione di una vasta mobilitazione cittadina, che interpelli senza sosta i dirigenti politici ed economici al fine di cambiare il corso delle cose, mentre siamo ancora tempo.

Decretiamo insieme lo Stato di emergenza climatica, e invochiamo tutte e tutti i cittadini a mobilitarsi massicciamente questo Sabato 12, dicembre alle 14h a Parigi, sul Champ de Mars di fronte alla Torre Eiffel, che gli organizzatori di COP21 hanno preso a simbolo.

Costituiremo delle ampie catene umane, portando i messaggi di allarme e mobilitazione che invieremo ai popoli di tutto il mondo in modo perché "i muri che faremo cadere diventino dei ponti."  Avremo il volto scoperto, segno della nostra partecipazione rigorosamente non-violenta in questo manifestazione.

Sabato, tutte e tutti a Parigi per dichiarare lo Stato di emergenza climatica!

Signer

Condividi con amici e followers